Toni Servillo

Marco Antonio Servillo è stato ospite di Arci Movie diverse volte. Il 20 dicembre del 2007 durante la XVIII edizione del Cineforum è intervenuto  in occasione della proiezione del film La ragazza del lago (2007) di A. Molaioli. Il 10 febbraio 2011 durante l’XXI edizione del Cineforum è stato ospite in occasione della proiezione di Gorbaciof (2010) di Stefano Incerti, per il quale è stato premiato  al Festival International du Film d'Amour de Mons 2011 con il Coup de cœur della giuria e il premio per il miglior interpretazione maschile. E’ tornato all’Arci Movie durante la IV edizione di AstraDoc il 3 maggio 2013 per la proiezione di 394. Trilogia nel mondo (2013), partecipando ad un pubblico dibattito moderato da Antonella di Nocera e al quale sono intervenuti il regista Massimiliano Pacifico e Angelo Curti. L’8 luglio del 2017, infine, Toni Servillo è stato ospite della XXIV edizione di Cinema intorno al Vesuvio con Francesco Amato e Vincenzo Nemolato per  presentare il loro film Lasciati andare (2017).

Marco Antonio Servillo nasce ad Afragola, in Campania, il 25 gennaio del 1959. Fratello di Peppe Servillo (leader della Piccola Orchestra Avion Travel), nel 1986 si avvicina al gruppo Falso Movimento e a Mario Martone, con il quale crea nel 1987 Teatri Uniti e che gli apre le porte del cinema dirigendolo in Morte di un matematico napoletano (1992). Con Martone collabora anche per quel Noi credevamo (2011) che si aggiudica il David di Donatello per il miglior film. Interpreta uno dei due protagonisti del lungometraggio d'esordio di Paolo Sorrentino L'uomo in più (2001) e viene nominato al David di Donatello nella categoria miglior attore protagonista. I due uniscono di nuovo le forze per Le conseguenze dell'amore (2004) e per Il Divo (2008) con il quale l’attore conquista lo European Film Award. Per entrambe le performance vince il David e a Cannes il secondo ottiene il Premio della Giuria. Lavora ancora con Paolo Sorrentino ne La grande bellezza (2013) con il quale vince il Golden Globe come migliore film straniero ed entra nella cinquina dei film candidati al Premio Oscar. Collabora al primo film di Andrea Molaioli, La ragazza del lago (2007) che conquista il David di Donatello nel 2008 e grazie al quale conquista il premio Pasinetti. Seguono Lascia perdere, Johnny! (2007) e soprattutto Gomorra (2008) di Matteo Garrone, premiato dall' Accademia del Cinema Italiano con il David, mentre la European Film Academy gli riserva lo European Film Award. Il decennio successivo Toni torna con Gorbaciof (2010), per poi immergersi nel dramma familiare di Una vita tranquilla (2010) e tornare alla storia recente del nostro paese con Il gioiellino (2011)Nel 2013 vince il Premio Le Maschere del Teatro italiano nelle categorie "miglior spettacolo in prosa" (Le voci di dentro), "miglior regia" e "miglior attore protagonista".  Quasi contemporaneamente l’attore lavora con Marco Bellocchio in Bella addormentata (2012), con Roberto Andò in Viva la libertà (2013) e ne Le confessioni (2016) con Francesco Amato in Lasciati andare (2017), con Donato Carrisi in La ragazza nella nebbia (2018), ancora con Paolo Sorrentino in Loro (2018). Nel 2019 ha recitato in 5 è il numero perfetto, scritto e diretto da Igort, basato sul suo omonimo romanzo a fumetti del 2002.